Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Giovedì 8 Agosto 2019 - Serie C - Non ci sono ancora commenti

Per Alessio Ciofetta la stagione 2019-2020 non sarà come le precedenti. No, ci sono annate che profumano di svolta. Piccola o grande che sia. E’ il caso del play che sanguina biancorosso, il cervello del Grifo di 178 cm compensati da qualità che balzano subito agli occhi: tecnica di spessore, mano sublime dall’arco e, contestualmente, ottimo difensore sul portatore di palla avversario. Un two way player, insomma, in grado di poter provare a fare la differenza in più aspetti del gioco. Una invidiabile base di partenza da cui partire. Anzi, ripartire. Lui, Alessio, nel campionato che partirà in autunno, dopo due anni di Serie C vissuti da protagonista nonostante sia “solo” un classe 2000, è atteso ad un anno che potrebbe essere definito strategico per il suo percorso. Ecco perché il coaching staff biancorosso si aspetta dei progressi ulteriori in cabina di regia, un upgrade importante per chi fa anche e soprattutto della costruzione del gioco una delle missions principali del suo arsenale. Alessio non si farà trovare impreparato, abituato com’è, per (de)formazione cestistica, a pensare per sé e per tre, anzi per gli altri 4 compagni in campo sul parquet.