Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Venerdì 9 Febbraio 2018 - Serie C - Non ci sono ancora commenti

Due numeri: 74 e 85. Un solo obiettivo: vendicare, sportivamente parlando ovviamente, proprio quel 74-85 subito contro Todi al Foccià nella gara di andata.

Un motivo in più per i ragazzi di Piselli per andare alla ricerca della nona vittoria consecutiva e del certificato primo posto in classifica in regular season contro un avversario che già nel primo atto stagionale dimostrò di essere una squadra di sicuro livello.

In questa stagione, però, Perugia ha dimostrato più volte di esaltarsi lontano dalle mura amiche. Lo ha fatto ad Assisi, a Foligno, ad Orvieto. Tanto per citare alcune fortunate “gite” fuori porta. Lo ha fatto traendo ogni volta un contributo prezioso, anzi fondamentale, da un po’ tutti i grifoni. Un segnale inequivocabile, quest’ultimo, di quanto in casa Perugia Basket non ci sia mai spazio per l’”io” ma per il “noi” perché tutti, veterani e non, hanno saputo mettere il proprio fondamentale mattoncino per la causa.

Non sarà semplice passare a Todi domani sera (palla a due alle ore 21:15). Ancora di più contro un avversario voglioso di riscatto dopo il netto k.o. interno subito la scorsa settimana contro Gualdo.

Perugia, però, ha già fatto vedere in abbondanza di saper gestire le varie partite. Ancora di più da quando c’era un primo posto da attaccare prima e da difendere poi. A due giornate dal termine della regular season il Grifo va a caccia dell’acuto che gli permetterebbe non soltanto di centrare la nona sinfonia e di vendicare il k.o. di un girone fa, ma anche e soprattutto di assicurarsi definitivamente il primo posto in campionato. Mica poco se si pensa da dove si era partiti.